Mentre in Italia ancora si deve incominciare a parlare di quale governo vogliamo concretamente fare, in Europa sono iniziate le grandi manovre pre e post –elettorali. Ecco l’ultima: il segretario generale della commissione europea, governo attuale dell’Europa, formato dai capi di stato dei vari paesi. Questa nomina è venuta diremmo noi italiani “ a-uhm-a-uhm” , cioè Juncker ha preso il suo ex segretario e in segreto ha preparato le cose in modo che sia lui il prossimo segretario europeo, massima carica esecutiva del nostro continente. 

I socialisti e i popolari hanno protestato o reclamato, ma per ora il nome è quello, anche se la nomina ancora non è del tutto ufficializzata. Ora io non sono né un esperto di Europa, neppure un esperto di diritto amministrativo europeo, però le cose fatte di nascosto puzzano. Dare un potere esecutivo senza che tutti i popoli e i governi l’abbiamo approvato è un atto arbitrario che non sappiamo dove ci può condurre, o a migliorare, se uno ha buone intenzioni, oppure a peggiorare se uno vuole fare il furbo. E qui sappiamo solo che un segretario particolare del capo della commissione, è stato quasi nominato dal suo datore di lavoro a segretario per il futuro, senza l’accordo preventivo o dei governi o del parlamento. Ogni nomina, specialmente in un contesto plurale com’è l’Europa, fatta senza democrazia nasconde possibili truffe: a vantaggio di chi ha veramente il potere, che in Europa sono le lobby finanziarie. Questo se venisse confermato potrebbe significare a) meno provvedimenti a tutela dei prodotti europei e rischio di ingresso di prodotti extraeuropei, leggi più vicine agli interessi della grande finanza, rischi di conduzione non democratica del governo europeo e chi più ne ha più ne metta. Perché i cittadini dovrebbero subire questo rischio? Già l’Europa ha colpito Grecia, Italia, Spagna e tutti gli stati mediterranei durante la crisi del 2008-2011, senza che nessuno potesse dire qualcosa, prendere o lasciare se no fuori dall’euro, così è avvenuto. E adesso l’Europa che cosa vorrebbe? Che noi a occhi chiusi accettassimo uomini che non si sa che cosa vogliono fare? No questo aumenterebbe certamente i rischi antidemocratici e non abbiamo nulla da guadagnare da provvedimenti così poco trasparenti.
Se l’Europa vuole progredire faccia dei referendum per tutti gli europei su come deve essere il governo o altre cose importanti per tutti come la moneta o le tasse etc. E comunque rispetti le istituzioni esistenti, a cominciare dal parlamento europeo. Ma sempre ascoltando il popolo. Il rischio se no è che l’Europa, dopo la Brexit con la precipitosa fuga della Gran Bretagna, che ancora però non è definitivamente avvenuta , il rischio è che i cittadini europei già perplessi di fronte a come viene gestita l’Europa se ne allontanino ulteriormente e allora sarebbe un guaio, perché se il continente europeo procede unito allora si può difendere nel mondo, se no sono guai. E qui si badi bene non è questione solo di euro : la moneta infatti è lo specchio della società. Se una moneta va in crisi quasi sempre + perché la società è in crisi. Ma qui la questione è più seria: è come se chi comanda si fosse autoeletto senza il parere dei cittadini. Come si chiama questo: DITTATURA. Siccome abbiam già conosciuto dove portano le dittature e milioni di persone ci sono morte, è meglio che chi dirige stia bene attento a quello che fa che vigileremo certamente. poi, i cittadini sanno che l’Europa non è un mostro da cui scappare: oggi è un carrozzone molto burocratico, ma se cerchiamo l’Europa dei popoli, dei diritti per tutti, delle tasse uguali, dei salari allo stesso livello costo della vita-valore monetario, degli stessi servizi( scuole, ospedali etc,) ebbene questa è l’Europa che vogliamo, l’Europa dei popoli appunto. Se davvero Trump farà i dazi alle merci europee, come ha promesso, che cosa sarebbe dell’Italia se non fossimo nell’UE. E’ difficile che un paese che importa energia e molto altro da solo possa reggere la competizione. <<quindi restiamo nell’Europa, si ma cerchiamo di migliorarla per il bene di tutti.
FABIO MENIN 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa