Scarcello: Necessario un prolungamento sulla direttrice Sibari-Rossano 
ROSSANO – Una bretella autostradale per Corigliano-Rossano. È questa una delle priorità in testa alle dotazioni strutturali e di servizio che dovranno essere garantite alla nuova Città, la terza più grande della Calabria. Auspicando l’imminente inizio dei lavori per la realizzazione del Megalotto 3 della Statale 106 (Roseto-Sibari)

 chiediamo all’Unione Europea e ai Governi nazionale e regionale che inseriscano, tra i lavori straordinari e di somma urgenza, anche un prolungamento del nuovo asse sulla direttrice Sibari-Corigliano-Rossano. Tutto questo, in attesa che venga avviata l’attività progettuale per l’ammodernamento della Statale ionica anche per i Megalotti 8 e 9 fino a Crotone. È questa la proposta del coordinamento cittadino de Il Coraggio di Cambiare l’Italia di Rossano da tempo in prima linea, insieme alla presidenza nazionale del movimento, sulla questione relativa all’ammodernamento della Statale 106. Diffidiamo dalle solite e belle promesse – dice il coordinatore cittadino del CCI, Vincenzo Scarcello – che puntualmente ci propinano in campagna elettorale. Ora vogliamo i fatti, perché le umiliazioni subite da questo territorio dopo anni di depauperamenti e scippi non possono più avere senso di fronte alle ragioni della nuova città Corigliano-Rossano. Che abbiamo voluto proprio per dare un senso a questa area della Calabria, la quale ha sempre offerto il suo contributo prezioso alla crescita e allo sviluppo della regione, senza mai avere nulla in cambio. Diffidiamo anche dalle imitazioni di chi oggi, con infantili escamotage lessicali, pretende di volersi intestare le battaglie che, insieme al presidente nazionale del movimento Giuseppe Graziano, abbiamo portato avanti e le tante che ancora faremo per rivendicare i sacrosanti diritti della nostra gente. L’ammodernamento della Statale 106 – aggiunge e precisa ancora Scarcello - così come la realizzazione del nuovo ospedale, la “restituzione” del Tribunale della Sibaritide, la realizzazione della cittadella degli uffici, il diritto ad una mobilità più efficiente e sicura, devono essere i punti cardine nelle priorità della nuova Città. Il tratto della statale ionica tra Corigliano e Rossano, già di per sé tra i più pericolosi dell’intero tracciato, a partire dal prossimo 31 marzo, con l’istituzione del nuovo comune unico, vedrà un fisiologico aumento del transito. E non vorremmo continuare a contare morti innocenti lungo questa strada – scandisce il coordinatore cittadino del CCI - come la tragedia (l’ennesima) capitata al giovane concittadino Andrea Forciniti, vittima incolpevole della strada della morte. Abbiamo bisogno di un’arteria nuova, più ampia, che permetta al traffico locale di poter viaggiare in totale sicurezza tra i due centri urbani di Corigliano e Rossano. È questo un provvedimento che la Regione, al pari del Governo nazionale e all’Unione europea, dovranno assumere subito anche approvando un piano di Protezione civile per realizzare il raddoppio tra il bivio Stombi di Sibari e quello di Bucita a Rossano. Su questa che consideriamo una priorità impellente – conclude - chiederemo riscontri in campagna elettorale e ce ne faremo portavoce in tutte le sedi istituzionali.

Ufficio stampa - Il Coraggio di Cambiare l'Italia
 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa